Leone (Thule Italia)

Tomb of Inherkhau showing him kneeling before the lion of Akheru

È rappresentato in forma zoomorfa oppure attraverso i miti astrali legati alle principali divinità solari del mondo antico (Osiride, Apollo, Elio) e alla figura di Cristo.

Leone

Simbolo e levata

Rappresenta la coda di un leone che si abbevera in un fiume (23 luglio – 22 agosto)

Origini

È adottato in Egitto nel IV millennio a.C.

Caratteristiche

Segno di fuoco, è il domicilio del Sole. Governa cuore, apparato circolatorio, midollo spinale, milza e polsi; influenza le attività agonistiche e teatrali

Divinità, costellazioni e miti collegati

Ra, Osiride, Horo, Anubi; Krishna; Apollo, Elio, Eracle (Ercole); Lelape, Maera; Buddha; Cristo, san Marco, San Cristoforo; Cane Maggiore (Sirio), Cane Minore (Procione), Lepre, Coda di Berenice

(Continua a leggere… =>)

Fonte

Annunci

“Rivoluzione” borghese e colpi di calore (StampAlternativa)

foto_azimut_paesi_emergenti

Borghesia in rivolta: ondata dagli emergenti

Le rivolte di massa di questa estate in Egitto, Turchia e Brasile sono promemoria del fatto che è la borghesia a guidare il corso storia. Resta da chiarire verso quale direzione.

La prosperità a livello globale sta crescendo e il mondo di oggi è testimone della terza ascesa della classe borghese, scrive Alan Murray sul Wall Street Journal.

(segue)

Fonte http://www.wallstreetitalia.com

 

E’ singolare, quasi divertente, constatare che persiste ancora in giro il fantasma di quel presunto ineluttabile destino di crescita esponenziale dei popoli emergenti, visti come il “futuro” della globalizzazione, e del perpetrarsi di quel modello socio/economico consumista, che ha mosso i suoi passi dall’Occidente, e che sembrava dover cedere il testimone a nuove realtà umane in Africa, Asia e Sud America. Un argomento per noi non certo nuovo.

C’è chi, invece, ancora crede che la crisi economica in cui stiamo vegetando da anni nella nostra porzione di pianeta, e che sta di fatto contagiando anche il grosso restante, sia null’altro che il passaggio obbligatorio verso una nuova fase della globalizzazione. Una sorta di malattia infantile che, appena sarà passata, porterà solo benefici, e una nuova era di prosperità.

(Continua a leggere… =>)

Fonte

Il tesoretto di AN e le “mani lunghe” (StampAlternativa)

bandabassotti

An, gli ex alla guerra per l’eredità: il tesoretto del partito vale 400 milioni

Le rivendicazioni di Storace, la battaglia tra ex colonnelli e finiani. E poi i presunti “regali” al Pdl. Cause, perizie e accuse per mettere le mani sul patrimonio di un partito politicamente scomparso.

Manca un partito di riferimento. Manca un leader di riferimento. Pochi, pochissimi gli ex di Alleanza nazionale ancora in Parlamento, falcidiati da diaspore, scissioni, litigi, quorum ed epurazione berlusconiana. Ma un qualcosa di concreto, reale, esiste ancora. E lo chiamano “tesoretto”, un diminutivo che non rende onore alla cifra disponibile: oltre 400 milioni di euro tra immobili e contanti, confluiti in una Fondazione all’alba della fusione con Forza Italia nel ripudiato Popolo della libertà. Stanno lì.

(segue) 

 

Quanto schifo ci fa questa vicenda, sintomatica di un modo d’intendere lapolitica greve e grezzo, eticamente meschino, privo di qualsiasi giustificazione.

Nell’articolo si fa cenno almeno una volta alla parola “camerati”; riferendosi ai personaggi in ballo, presi tra liti faziose, e forchettate al patrimonio di quello che, comunque, è stato l’erede indegno di un partito in cui molti, tra i quali chi vi scrive, hanno avuto il proprio battesimo politico.

Che schifo!

Oggi, di quello che fu il MSI/AN, resta solamente un patrimonio economico divenuto “terra di conquista” di avidi papponi, colonnelli senza esercito, trombati più o meno illustri e “fratellini d’Italia” in lotta per la sopravvivenza politica.

(Continua a leggere…=>)

Fonte

A Firenze è nato uno “zonkey” (InToscana.it)

zonkey-300x200

E’ nato in un allevamento privato e lo hanno chiamato Ippo: è un esemplare di zonkey, un raro incrocio fra una femmina di asino e un maschio di zebra. E’ successo a Firenze, in un vivaio i cui titolari hanno destinato un’area alla custodia degli animali sequestrati dalle forze dell’ordine. Ci sono anche anche un cammello, pappagalli, dei pony. Ippo è nato tre giorni fa. 


La madre è un asino dell’Amiata – esemplare di una specie in via di estinzione affidato alla struttura fiorentina per garantirne la riproduzione – il padre è una zebra, sequestrata anni fa a uno zoo
.

(Continua a leggere… =>)

(Fonte)

Giovani sposi costretti a vivere in tenda: “Dateci una casa” (L’Unione Sarda)

 

Spostano la loro tenda nell’area termale di Santa Mariaquas aspettando l’aiuto del Comune e della Regione.

Il dramma di Tonino Cicala e Luisa Di Cesare, 30 anni e 29, giovani sposi di Sardara. Disoccupati e senza una casa, sono costretti a vivere in una tenda. C’è chi generosamente gli porta un pasto caldo. Ma la coppia ha un’unica speranza: “Chiediamo una casa. Dal Comune solo promesse. Ora abbiamo chiesto aiuto alla Regione. Alla fine saremo costretti a occupare un appartamento”.

(Continua a leggere…)

Fonte