Movimenti (molto) sospetti (StampAlternativa)

speculation

In atto rotazione massiccia di valute verso gli emergenti

LONDRA (WSI) – Il deterioramento della qualità del credito sovrano dei paesi industrializzati sta spingendo i gestori di asset delle banche centrali mondiali a diversificare il più possibile, aumentando le loro posizioni nelle valute meno tradizionali di Canada, Australia, Cina, Brasile, Russia, India, Danimarca e Norvegia, allontanandosi dai mercati solitamente dominanti del dollaro Usa, dell’euro, dello yen, del franco svizzero e della sterlina britannica.

I due fattori all’origine di questa rotazione di portafogli sono principalmente il ribasso dei tassi di interesse nelle economie avanzate e la sfilza di downgradedell’area più “sviluppata” nell’ultimo anno. Di fatto i tradizionali porti sicuri non sono piu’ sicuri come una volta.

(Segue)

Fonte www.wallstreetitalia.com

L’Occidente non è più affidabile?

Nessun problema, i capitali (virtuali e non) si spostano ormai con una facilità estrema da un capo all’altro del pianeta, seguendo la scia del profitto, ed infischiandosene se, dietro a parole come asset downgrade, si celino milioni di persone, colpite da ogni tipo di crisi strutturale dell’area un tempo faro del benessere.

Le nazioni emergenti, bontà loro, possono così sperare di attenuare questa recessione globalizzata drenando investimenti, anche se non è poi detto che ciò durerà nel tempo, o che possa bastare ad evitare il contagio che si produrrebbe, se una delle economie occidentali in recessione dovesse collassare del tutto.

In questa “lista nera” per portafogli gonfi che emigrano, ecco comparire gli USA e la Gran Bretagna, nazioni ancora indicate come un esempio da seguire dai liberisti nostrani, o dagli inguaribili americanofili, l’area euro nella sua totalità, quindi nessun “distinguo” tra Stati virtuosi e cicale mediterranee, ed in fine una nuova entrata: la Svizzera, che forse paga un declino a sé stante.

(Continua a leggere… =>)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...