Così parlò un vampiro

nosferatu1

Amato: “Tanti giovani si troveranno a dormire in auto”

ROMA (WSI) – E’ la cruda realtà e non una previsione strampalata, quella di Giuliano Amato sulle prospettive dei giovani, senza più un futuro.

“Tanti si troveranno con una pensione miserabile, con cui non potranno vivere e si troveranno a dormire in auto”: così si è espresso l’ex presidente del Consiglio, davanti agli studenti della Luiss di Roma.

Fonte http://www.wallstreetitalia.com

E lei Sig. Prof. Giuliano Amato dov’era per evitare questo destino di povertà che ci attende?

Cosa faceva quando si gettavano le basi per il fallimento dell’Italia?

A cosa pensava mentre venivano varate, anno dopo anno, leggi sempre più penalizzanti per la salvaguardia dello Stato sociale?

Cosa ha mai proposto lei, Sig. Prof. Giuliano Amato, per evitare che il precariato diventasse regola contrattuale, e non eccezione?

Per contrastare la disoccupazione lei ha mai mosso un dito?

Quando ha avuto la possibilità di essere al comando, ha forse cercato di evitare tutto questo?

Noi, che oggi arranchiamo tra le mille difficoltà della crisi economica, ci troveremo con un pugno di mosche in mano molto prima di poter pensare alla pensione. Mentre lei, Sig. Prof. Giuliano Amato, sarà ancora lì a pontificare, a fare la morale da bravo docente ammuffito. Certo che a lei nessuno negherà una vecchiaia non soltanto “dignitosa”, ma addirittura nessuno (forse) le negherà una vecchiaia “dorata”.

Lei, Sig. Prof. Giuliano Amato, è uno dei tanti vampiri che per decenni hanno succhiato la linfa vitale dell’Italia, scaricando la responsabilità della sua rovina sulle nostre spalle. Tanto, quando noi saremo vecchi e dormiremo in un’auto (sempre se avremo la fortuna di averla), lei forse sarà già crepato, sereno come chi si è autoconvinto di aver fatto sempre le scelte più oculate, dimenticandosi però di averle fatte sulla pelle degli altri.

Sig. Prof. Giuliano Amato; almeno abbia la decenza di tacere!

Gabriele Gruppo

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...