Dall’ozono al clima, l’effetto domino inizia in Antartide

capa-de-ozono

Gli schemi di circolazione verticale delle masse d’acqua nell’Oceano Antartico hanno subito una variazione a causa del buco nello strato di ozono atmosferico sopra l’Antartide. Il fenomeno potrebbe avere un notevole impatto sulla quantità di anidride carbonica in atmosfera, e di conseguenza anche sul clima globale.

A lanciare l’allarme sono due studi appena pubblicati su “Science”.  Nel primo articolo, Sukyoung Lee e Steven B. Feldstein del Dipartimento di Meteorologia della Pennsylvania State University hanno considerato l’assottigliamento dell’ozono al di sopra dell’Antartide, che è stato accompagnato negli ultimi decenni da un contemporaneo incremento dei gas serra, anche se di entità inferiore.

Applicando la cosiddetta “analisi a cluster” a una serie di dati sulle velocità e le direzioni dei venti, in particolare delle “correnti a getto” (jet stream) che sono caratterizzate da notevole rapidità e sezione limitata e che si formano a circa 11 chilometri di quota, i ricercatori hanno trovato che l’aumento dei gas serra e l’impoverimento dello strato di ozono hanno contribuito in due modi distinti ai cambiamenti negli schemi di circolazione ventosa. In particolare, è risultato che questi ultimi sono determinati per oltre il 50 per cento dall’assottigliamento dell’ozono, e che quindi i gas serra hanno un impatto minore. Finora nessuno studio era risucito a dare una valutazione quantitativa di questa differenza.

(Continua a leggere… =>)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...