La Francia e il suo interventismo bellicoso (StampAlternativa)

mali

Durante l’ultima fase del suo mandato presidenziale Nicolas Sarkozy, appartenente ad un’area politica di centro/destra, focalizzò molte energie nell’ambio di alcuni significativi ambiti internazionali, che erano (e sono) giustamente ritenuti d’importanza strategica per la Francia. L’Africa è stata in due occasioni lo scenario d’intervento diretto di quest’attivismo non certo inaspettato, dove Parigi ha sfoggiato una mai sopita voglia di dimostrare d’essere ancora una potenza globale, a dispetto di quella che è la sua reale condizione.

Tanto sull’intervento francese in Costa d’Avorio (VEDI), quanto durante il conflitto in Libia (VEDI), l’allora Presidente Sarkozy puntò molte delle proprie aspettative politico/elettorali per un secondo mandato, che tuttavia, nonostante i buoni risultati ottenuti sul campo, non diedero i frutti sperati. La vittoria alle presidenziali nel 2012 del socialista François Hollande aveva dato l’impressione di un cambio di rotta, e l’avvento di una politica estera meno muscolare rispetto a quella della droite neogollista.

Cos’è cambiato? (Continua a leggere… =>)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...