La lunga marcia della tecnocrazia italiana è cominciata (StampAlternativa)

technocracy-flag

Casini: «La Lista per l’Italia con Montezemolo e Fini. Il Centro non sarà più diviso»

«Ci sarà un’offerta politica unica perché non ci possono essere divisioni: i personalismi non sarebbero tollerati dagli elettori che non vogliono che il paese vada alla deriva e non vogliono che torni al Bengodi del passato».  Lo ha detto il leader Udc, Pier Ferdinando Casini, ospite di Domenica In su Raiuno, parlando della Lista per l’Italia cui vuole dare vita con Luca Cordero di Montezemolo e Gianfranco Fini.

(segue)

Roma, Alfio Marchini si candida a sindaco. Imprenditore lancia lista civica, ’40% insoddisfatto da partiti’

L’imprenditore Alfio Marchini conferma la sua candidatura a sindaco di Roma, un’ipotesi circolata nelle ultime settimane. “Ovviamente”, ha risposto a Lucia Annunziata che durante ‘In mezz’orà su Rai Tre gli ha chieste se confermasse l’intenzione di correre per il Campidoglio. (…)

Il pericolo più grande per il futuro della nostra nazione si chiama “tecnocrazia”.

Ne siamo certi, e il successo alle elezioni politiche del 2013 di queste componenti, oggi ancora all’apparenza divise, ci spaventa non poco.

Bersani? Renzi? Berlusconi? Grillo? La Lega?

Per carità di patria! Non scherziamo!

Soggetti privi di spessore, al di fuori di quei circoli internazionali che contano, essi sono burattini di un teatrino, funzionali a un sistema in fase di mutazione genetica: via la classe dirigente espressione della democrazia rappresentativa, che ha nella forma/partito il suo motore. Avanti con tecnici, imprenditori “prestati” alla politica, mestatori d’alta finanza tutti casa e globalizzazione.

La lunga marcia della tecnocrazia verso l’incarnare non il potere nudo e crudo, ma l’essenza stessa del verbo potere, è già cominciata, e sembra essere ormai a metà del tragitto. Il Governo Monti è stato solamente un antipasto, infatti, stanno per calare sulle nostre teste dei liberisti di ferro, che vogliono una nuova Italia dove di non ci sarà spazio per niente che non sia l’utilitarismo più sfrenato, dove gli argini che ci separano dal diventare una sorta di Cina europea saranno spazzati via come da un fiume in piena. Il tutto ammantato da un neo umanesimo compassionevole. Per questo oggi il conservatorismo cattolico fa il tifo per gli apostoli del Dio denaro, e si prepara a dar manforte al progetto politico di questi “signori” grigi, mettendo a disposizione i propri bacini elettorali sparsi per tutta la penisola.

(Continua a leggere… =>)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...