Oggi come ieri. Cambiano solo le “scuse”. (Thule Italia)

Il 9 gennaio del 2010 il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad creò una commissione di studio per valutare i danni subiti dal Paese durante l’invasione degli Alleati del 1941 e  chiederne i danni. Ahmadinejad aveva gia’ detto nel passato che avrebbe scritto al segretario dell’Onu, Ban Ki-moon per chiedere un risarcimento. La Gran Bretagna e l’Unione sovietica entrarono in territorio iraniano nell’agosto del 1941, per prendere il controllo dei pozzi petroliferi e garantirsi le linee di rifornimento alle truppe in campo contro le forze dell’Asse.

Era infatti il 25 agosto 1941 quando iniziò l’invasione anglo-sovietica dell’Iran.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale, l’Iran dello scià Reza Pahlavi si era proclamato neutrale, cercando di mantenere una posizione equidistante tra i due schieramenti; l’Iran si trovava in buoni rapporti con la Germania, ed in virtù di alcuni accordi commerciali sottoscritti negli anni ’30 numerosi tecnici tedeschi si trovavano nel paese per collaborare ai progetti di modernizzazione avviati dallo scià. La presenza tedesca in Iran era fonte di notevoli preoccupazioni per il governo di Londra, soprattutto a partire dal maggio del 1941, quando, a seguito della repressione britannica di una rivolta pro-Asse nel vicino Iraq, numerosi esponenti filo-nazionalsocialisti si erano rifugiati nel paese. (continua a leggere…)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...