Italia nel mirino; l’attacco è già cominciato (StampAlternativa)

Il Fmi taglia le stime di crescita dell’economia mondiale: «Il rischio è che Italia o Spagna perdano l’accesso ai mercati»

Nell’area euro «è della massima importanza attuare pienamente» i recenti accordi su nuovi provvedimenti di stabilizzazione dei mercati», afferma il Fondo monetario internazionale, tra le quali vi è anche lo scudo antispread voluto dall’Italia. Le rinnovate tensioni sui debiti pubblici di vari paesi dell’Unione valutaria sono il principale fattore frenante dell’economia globale indicato nell’aggiornamento del World Economic Outlook. E l’istituzione afferma che i recenti accordi su nuovi meccanismi anti crisi raggiunti dai leader europei sono «passi che vanno nella direzione giusta». (…)

Mentre la politica italiana è indaffarata in “alte” tematiche filosofiche, come le dimissioni di una meretrice di Stato, o l’apertura ai matrimoni omosessuali, sulla nostra nazione sono cominciati i cannoneggiamenti speculativi, per altro ampiamente prevedibili, che dai mercati segnano l’inizio della campagna d’Italia contro l’area euro.

Ha un bel da dire il Governatore di Banca d’Italia Ignazio Visco, che il differenziale tra titoli italiani e tedeschi (lo spread) non tiene conto dei fondamentali economici delle due nazioni.

E’ come affermare che in un bombardamento su di un centro abitato non si tiene conto della presenza di civili. Una banalità bella e buona.

La speculazione internazionale non guarda certo alle ridotte fortificate che la penisola detiene in ambito economico, ma ad una sostanziale fragilità delsistema nel suo complesso; a cominciare dal dissesto dei conti di Stato, su cui pesano ancora troppi sprechi clientelari, e un’articolazione produttiva e sociale che, indebolita dalle delocalizzazioni e piegata da anni di crisi, risulta essere strutturalmente incapace di tenere il fronte a lungo. (continua a leggere…)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...