Quel Nazionalsocialismo da sinistroidi (o sinistrati)

Ho a lungo riflettuto sul titolo da dare a quest’introduzione e consiglio alla lettura, oscillando tra una forma più dotta “Il Nazionalsocialismo incompiuto” – scartata poiché sarebbe potuta essere interpretata come un possibile avallo a certe teorizzazioni – e una più generale, “L’ignoranza che partorisce retro-ideologie”. La scelta è infine caduta più su un titolo “alla Julius Streicher”: la miglior cosa è sempre essere chiari eliminando il più possibile ogni fraintendimento.

Cos’è mai questo “Nazionalsocialismo da sinistroidi”?

È presto detto, visto che ha come unico punto di riferimento Otto Straßer e il suo libro “Hitler segreto. Le rivelazioni del capo del Fronte Nero”, la cui prima edizione in lingua italiana è del luglio 1944 (si prega di porre attenzione alla data!) e ristampato di recente.

Nell’introduzione dell’editore in una delle ristampe si può leggere:

L’autore del presente volume si dichiara, chiaramente, nazionalsocialista ma il suo nazionalsocialismo era un “socialismo tedesco” che cercava di unire gli elementi positivi che provenivano da destra (nazionalismo) e da sinistra (socialismo) senza però i loro lati negativi: il capitalismo per la destra e l’internazionalismo per la sinistra.

O ancora:

Fedele all’idea nazionalsocialista, Strasser non mancò di presentare le proprie obiezioni in merito al crescere del culto totemico dell’imbianchino austriaco in quanto “le idee sono di natura divina, esse sono eterne. Gli uomini al contrario, non sono che corpi nei quali l’idea si incarna”. Al tempo stesso non mancò di fare le proprie rimostranze circa le posizioni razziste assunte dal partito dovute, secondo Strasser, alla nefasta influenza di Rosenberg e delle sue tesi raccolte nel libro “Il mito del XX secolo”.

In entrambe le citazioni, oltre al tono – che ricalca finemente la propaganda antinazista di un libro la cui prima stesura avvenne con il compiacimento dei nemici della Germania (la data di cui sopra!) – si evidenzia soprattutto l’ignoranza che se fino a qualche anno fa poteva essere perdonata visto la mancanza di fonti in lingua italiana, oggi non è più tollerabile. Non lo è poiché noi stessi come casa editrice abbiamo pubblicato per la prima volta dei testi in cui è evidente il socialismo tedesco di cui era pregno il Nazionalsocialismo. Quello vero, non quello fantasticato dagli accoliti ritardatari dei fratelli Straßer. (continua a leggere…)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...