Facciamo chiarezza sul cruelty-free

Troppi simboli, sigle e “autocertificazioni a pagamento” confondono gli animalisti.

Una delle prime cose che si impara quando ci si avvicina al problema della vivisezione per combatterla, è che possiamo comprare cosmetici (sia make-up che prodotti per l’igiene personale) e detergenti senza crudeltà o “cruelty-free”, cioè che non incrementano la vivisezione.

Questo aspetto purtroppo è più complesso di quanto si creda e non è facile capire quali sono le marche di prodotti che si possono comprare quando si decide di non incrementare la vivisezione.

Purtroppo negli ultimi tempi si è aggiunto un ulteriore elemento che contribuisce non poco a rendere più fumosa la situazione: la diffusione del circuito pubblicitario VeganOK, una “autocertificazione a pagamento” che aggiunge confusione a una materia già complessa e allontana le persone dalle scelte realmente cruelty-free. Esaminiamo la situazione per fare chiarezza. (continua a leggere…)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...