La manna cinese arriverà davvero? (StampAntagonista)

La Cina salva l’Europa?

In attesa che la Cina diventi la prima potenza economica mondiale, si stima entro i prossimi dieci anni, in attesa delle riforme della governance economica europea, Pechino garantisce il sostegno finanziario ai Paesi più fragili dell’area euro acquistando titoli del debito pubblico e garantendo un flusso di capitali.

La riserva di valuta straniera, di cui dispone Pechino, è la più grande al mondo e ammonta a 3200 miliardi di dollari, per il 25% circa in euro. (…)

Chinese president, other G-20 leaders attend summit in Cannes

Chinese President Hu Jintao and leaders of other Group of Twenty (G-20) members started in Cannes on Thursday a two-day summit to consider strategies to strengthen the faltering world economy and achieve global financial stability.

At the two-day summit in the resort city of Cannes, the leaders were expected to address the major problems affecting the world economic recovery and the stability of global financial markets.

The leaders were to discuss the eurozone debt crisis, reform of the international monetary system, the strengthening of financial regulations, and other issues. (…)

Il vertice del G20, che si sta svolgendo nella stranota località balneare di Cannes, ha di nuovo riportato in auge l’aspettativa di un deciso intervento cinese, a sostegno dell’eurozona e dei suoi tanti problemi.

Continuiamo a leggere articoli da diverse testate, tutti volti ad auspicare che Pechino corra con i suoi metri/cubi di riserve valutarie a spegnere i focolai di crisi, che imperversano nel Vecchio Continente.

Sembrano ormai lontani i tempi del “pericolo giallo” da scongiurare, dei dazi da applicare alle merci di quest’invasiva economia emergente. Oggi i componenti europei del G20, così come il venditore di tappeti americano, sono proni di fronte ai tecnocrati orientali, e supplicano una vera e propria elemosina.

Abbiamo voluto porre due articoli a confronto. Uno rappresenta il “già sentito”, in altre parole la favola dell’interesse cinese nell’intervenire direttamente in Europa, per sostenere l’UE e la sua divisa valutaria. L’altro articolo rappresenta invece “quel che dicono a Pechino”.

Che la Cina possa/voglia intervenire nel Vecchio Continente è fuor di dubbio. Che lo possa/voglia fare così come auspicano i nanetti politici tra Parigi, Bruxelles e Berlino d’acqua francamente ce ne corre. (continua a leggere…)

Fonte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...