Padova: cane trascinato da un SUV per 3km di sangue

Non c’è limite all’indecenza. Continuo a chiedermi cosa spinga l’essere umano a commettere atti così crudeli e fini a se stessi.
– Fania –

Taglia di 5000€ sul sadico che ieri ha legato un cane alla portiera e poi lo ha ucciso trascinandolo in corsa nei Colli Euganei.

Si è fermato solo quando il cane è morto consumato nelle sue stesse carni da quell’orrendo gesto fatto quasi sicuramente per puro sadismo: è successo ieri pomeriggio in provincia di Padova, sulla zona dei Colli Euganei, ed è stato segnalato al telefono amico di AIDAA da un testimone oculare che ha tentato dapprima di fermare il SUV, allontanatosi invece a forte velocità tirandosi dietro il cane che emetteva forti guaiti di dolore.

Il fatto è accaduto in via Roverello, a pochi metri dalla “Trattoria da Oci”, vicino a Faedo (PD). Il testimone, Federico Sabbadin, stava camminando sulla strada in direzione nord, quando un SUV nero, probabilmente BMW, è passato davanti a gran velocità diretto a sud, e attaccato alla portiera posteriore sinistra (lato guidatore) era fissato un guinzaglio da cui veniva trascinato un cagnolino di piccola taglia, tipo volpino color terra di Siena, che si dimenava e contorceva. ()

Fonte

La “Pravda” padana, ed i suoi inutili trionfi (Contro In Formazione)

Manovra: ha vinto la Lega di Bossi, ma solo su La Padania. Sul Giornale vince Berlusconi

Dov’è la vittoria? La Padania non ha dubbi: “Manovra, passa la linea della Lega”, titola oggi in prima pagina. E nel trionfale sommario, il quotidiano del Carroccio parla della “quadra” trovata da Bossi e Berlusconi ad Arcore, di “tagli alla politica”, di “lotta agli evasori”, di “Province” ed “enti locali” parzialmente salvati. Manca però una parolina: “pensioni”. Strano, perché su tutti gli altri giornali quella parolina si trova scritta in grosso nei titoli di apertura. “Stretta sulle pensioni”, è per esempio la scelta di Il Sole 24 Ore. (…)

Una manovra economica dove i “tagli” allo Stato sociale sono evidenti, e dove le ripercussioni negative sulle solite tasche, padane e meno padane, non si faranno attendereè salutata dal verdissimo quotidiano umbertino come un trionfo del celodurismo leghista.

I giornali di partito saranno pure partigiani, ma qui si sta esagerando!

Ma quanto costa la “Pravda” padana?

Nel 2011 è costata al medio contribuente italico, in particolare di quello da cui è più facile spillare le tasse, qualche cosa come 4 milioni d’euro.

Un obolo niente male verso chi ha fatto dell’indipendentismo da “Roma ladrona” la propria bandiera ideologica. (…)

Fonte

8 Ottobre 2011 – Movimento di Transizione Nazionale

Mantova – 8 ottobre 2011 – ore 18.00
Ingresso Libero.

 

 

 

30_08_11

"Non promettere quello che non puoi mantenere."

Publilio Siro

Nuovi ticket, favorite le coppie di fatto

Per chi è già esente non cambia nulla. Per tutti gli altri, più o meno quattro cittadini su dieci, da lunedì scatta la rivoluzione del nuovo ticket in sanità. Fondata sul principio «chi ha di più paga di più» come ricorda l’assessore regionale alla Sanità Carlo Lusenti . In Emilia-Romagna, così come in Toscana e Umbria, non sarà infatti di 10 euro per tutti e su tutto, ma sarà modulato in base al reddito. Solo chi dichiara guadagni superiori a 100 mila euro non dovrà fare nulla ma adeguarsi a pagare le quote più alte. Per gli altri invece ci sarà l’obbligo di autocertificare il reddito famigliare lordo. E qui scatta la macroscopica differenza tra chi è sposato e le coppie di fatto. Due coniugi pagheranno di più di due conviventi con lo stesso reddito individuale. A determinare le fasce in cui si differenziano i ticket è il reddito complessivo lordo del nucleo familiare fiscale. Nucleo formato dai marito e moglie e dai familiari a carico, i cui redditi vanno sommati. In caso di separazione legale dei coniugi, o in generale in caso di convivenza, ognuno certifica il proprio reddito. Che può essere, da solo, basso fino all’esenzione. (…)

Fonte