Tremonti nel “paese delle meraviglie” (Contro InFormazione)

Tremonti: l’Italia non è a rischio sistemico. C’è lavoro, tutti occupati gli immigrati
Tremont«Beati i Paesi che non hanno rischi sistemici». E «l’Italia è fuori dalla lista dei paesi con potenziali rischi sistemici, e non ci dispiace affatto». Lo ha affermato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, durante una conferenza stampa alle assemblee di primavera di Fondo monetario internazionale e Banca Mondiale. Ieri i paesi del G20 hanno deciso di avviare un monitoraggio di sette paesi ritenuti avere squilibri finanziari che possono creare dei rischi per tutta l’economia gloable. «Non si è parlato di inserirvi l’Italia – ha rilevato Tremonti -. ()

Fino ad oggi ritenevamo, a torto o a ragione, che il Ministro Tremonti fosse l’unico cervello pensante in una compagine govarnativa di cerebrolesi; la persona seria che sapeva distinguersi in quella che a tutti gli effetti è solo una mandria di cretini titolati e di “yesman” a gettone.
Evidentemente anche il “caro” Giulio s’è fatto travolgere dalla necessità di puntellare l’immagine di un governicchio da operetta, incapace e privo di spessore, la cui unica ragion d’essere risiede nel rappresentare ormai il foro difensivo del Presidente del Consiglio, dalle accuse più svariate. ()

Fonte

Annunci

3 pensieri su “Tremonti nel “paese delle meraviglie” (Contro InFormazione)

  1. Tremonti é stato chiaro “l’Italia è fuori dalla LISTA dei paesi con potenziali rischi sistemici” e credeteMI, lo stivalone HA tutte le CARTE in regola per essere fuori da quella LISTA.

    Tremonti rimane l’unica testa pensante nel magma pestifero del sistema. Si tratta solo di capire il senso delle parole.

    Giulio dispone di tecnici particolarmente qualificati a compilare i documenti che escludono l’Italia dalla lista.

  2. Possono compilare tutti i documenti che vogliono, ma sarebbe decisamente meglio che impiegassero quel tempo e quelle energie per trovare una soluzione 😉

    • Purtroppo una soluzione non esiste.
      Il copione di questa commedia é stato scritto molto tempo fa e non prevede lieto fine.
      Ogni marionetta recita la propria parte “in attesa” del gran finale.
      La commedia va in scena per un pubblico selezionato al quale saranno devoluti gli incassi, mentre le spese, le hanno giá sostenute gli attori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...