Estratto_01

punto 6. Sostegno alla natalità italiana: in base a criteri di reddito verranno erogate forme di incentivo alla procreazione che non siano di natura puramente pecuniaria, ma sopratutto di carattere fiscale, di sostegno sociale e sanitario. Un sostegno alla natalità passa
necessariamente attraverso la lavoratrice che dovrà essere messa in grado di poter decidere di divenire madre senza remore estranee ed esterne alla sua volontà. Per questo si dovrà prevedere un’incentivazione degli asili nido per i bimbi di genitori di
cittadinanza italiana. Sviluppare la presenza di asili nelle aziende che contano un numero di dipendenti superiore a 50. Sviluppare il telelavoro – dove sia possibile – che in tal caso rientra in un’ottica di miglioramento della qualità della vita.

punto 7. Verranno equiparate, con leggi speciali e vincolanti per le aziende o gli enti pubblici, le opportunità di cura della prole da parte di entrambi i genitori, senza penalizzazione professionale. Non saranno tollerate iniziative di nessun genere che ostacolino la natalità.

Dal “Programma di Transizione” – Thule Italia
http://thule-italia.com/wordpress/downloads/357

Annunci

Entente Cordiale tra due nanetti (Contro Informazione)

Vertice Italia-Francia. Berlusconi: «Il nucleare resta il futuro». Sarkozy: «Sosteniamo Draghi alla Bce»
Vertice «molto, molto positivo» e «convergenza» tra Italia e Francia «su tutti i temi affrontati». Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, nella conferenza stampa congiunta con il presidente francese Nicolas Sarkozy in una pausa dei lavori del vertice bilaterale Italia-Francia a Villa Madama. «Abbiamo avuto un vertice che posso senza tema definire come molto, molto positivo. È emersa la forte convergenza – ha assicurato Berlusconi – su tutti i temi che abbiamo affrontato: la situazione in Libia, del Mediterraneo, l’immigrazione, la cooperazione economica e industriale tra i nostri due Paesi». ()

Il vertice italo/francese è stato all’altezza dei due protagonisti. Il Presidente del Consiglio Berlusconi ed il Presidente francese Sarkozy hanno dato prova di quanto si possa volare basso in politica, e come i simili si attraggano sempre.

La Francia è giunta all’incontro con l’Italia animata da quel fasullo Entente Cordiale degno dei tempi di Napoleone III (altro grande nanetto storico), ben sapendo di poter chiedere molto, spendendo poco ed ottenendo lustro internazionale per il proprio presidente, già in evidente stato di fibrillazione elettorale.

L’Italia da parte sua ha mostrato ai “cuginetti” gallici tutto il proprio ventre molle, oltre che la palese incapacità di saper cosa voglia dire la parola dignità. ()

Fonte


Programma di Transizione Nazionale – Thule Italia

(…) Nutrivamo l’irrefrenabile bisogno di esprimere una volontà positiva, costruttiva, luminosa da opporre alla realtà negativa, distruttrice, buia.

Avvertivamo la necessità di riempire a nostro modo un vuoto: l’assenza di una visione totale di una possibile alternativa a ciò che appare sempre più senza soluzione di continuità: l’attuale sistema.

Si affrontano sovente temi specifici (casa, acqua, energia, ecc.) senza valutare che non è possibile agire su una specifica questione senza metter mano all’intero costrutto, seppur si riesca talvolta pervenire a uno specifico risultato positivo ma senza con ciò spostare l’ago della bilancia dei pesi in gioco. Anche a questo abbiamo voluto dare una risposta.

Ciò che leggerete rappresenta le fondamenta che noi reputiamo accettabili per iniziare a pensare (e quindi ad agire) a un nuovo Stato. E in questo c’è tutta la nostra follia se vogliamo.

Non vorremmo dire altro poiché nelle venticinque pagine, di cui è composto il documento scaricabile, vi è quanto necessario, così come nella sua introduzione. (…)

Marco Linguardo – Thule Italia

http://thule-italia.com/wordpress/downloads/357

oppure direttamente su: www.thule-italia.org

Non è necessaria la registrazione per scaricarlo!

…perdete qualche minuto per leggerlo, non sarà comunque stato tempo perso.
Prendiamo in mano le redini del nostro presente, del nostro futuro, della nostra vita!

Černobyl’ 1986 – 2011

Ricorre oggi il 25esimo anniversario del disastro di Černobyl’, che causò migliaia di vittime.

Riportiamo un paio di articoli a riguardo.

Con la speranza che non sia stato tutto vano, che ci si fermi a meditare, e si aprano gli occhi sulla necessità di cambiare le cose.

Ilsole24ore.com

Corriere.it

Agnes Mathilde Luckemeyer Wesendonck

A cura di Barbara Spadini.

Un anno fa, oggi, terminai il poema del Tristano e ti portai l’ultimo atto. Tu mi abbracciasti e mi dicesti: ora non ho più desideri! In quel momento, io rinacqui una seconda volta. Mi ero andato sempre più staccando dal mondo con dolore. Tutto in me era diventato negazione, rifiuto e desiderio di opporre un’affermazione. Una donna dolce si è gettata in un mare di sofferenze per offrirmi quell’istante adorabile e per dirmi che mi ama …”(Richard Wagner)

n adagio di cui si abusa è che:” dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna”.Molto si è discusso riguardo a quel “dietro”, affermando che oggi una donna non è “dietro”, se mai “ a fianco”. Qualcuno ritiene anche”davanti”. In realtà bisognerebbe pensare che chi è “dietro”, spinge in avanti, fortifica e sostiene. Così è stato, nel campo della letteratura, dell’arte, della musica, della cultura in generale: sodalizi uomo-donna particolari, fondati su incomprensibili legami di “sentire”, profondi e più o meno realmente vissuti, hanno dato vita al miracolo di molte opere. Amori che non avrebbero mai retto nel quotidiano, per scelte ed impossibilità, o per irrisoluzioni personali, sono diventati “asili” o “isole” in cui far vivere rapporti fondati sulla sensibilità estrema e sulla condivisione di una cosa soltanto: il comprendersi interiormente. ()

Fonte